Vas en del vas

Srti d, quan che pnse a ‘ndo che so
me cate emprizunada
en de ‘n vazt de vder trasparnt
co n’etichta ensima
per d chl che me so.
Me me dnter sto vas
sert dnter de ‘n lter e tcc du
coi querciul bloccc che se drf p.

Quan varde chl tch de mond de fra
che me varda, me ve de pinzer e pre
a tast tt entren co’ le m.
De la banda de l tcc i vif be
e me so ch ‘nserda
sensa pud scap.

En bris i m’ha pucit
en bris so nada dnter de per me,
l’ che, ads compgn de ads, enc
no gh’ p aria e m me cate ch
sensa gna nt, gna d.

Strangose smper p che rie matina.


Vaso nel vaso
Certi giorni, quando penso alla mia vita / mi trovo imprigionata / in un vasetto di vetro trasparente / con sopra un’etichetta / per identificarmi. / Mi muovo dentro questo vaso / chiuso dentro un altro ed entrambi / coi coperchi sigillati che non si possono sbloccare. // Quando guardo dall’altra parte quel pezzetto di mondo / che mi guarda, mi viene da piangere e provo / a premere tutto attorno con le mani. / Fuori tutti vivono bene / ed io sono qui rinchiusa / senza poter scappare. // Un poco mi hanno obbligato / un poco mi son lasciata scivolare / il fatto che, ora come ora, qui / non c’ pi aria ed io mi ritrovo oggi / senza notte, senza giorno. // Aspetto disperatamente un‘alba.



  • Pubblicata a pagina 13 su "Gira - Girasl" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2009


  • 24 - 10 - 04 - 1 premio al 22 concorso di poesia “Citt di Legnano - G. Tirrinanzi” sezione poesia dialettale - con la poesia VAS EN DEL VAS.