La cugumina

Sura pensér, quan che ghe l’ho en mà
la lae mia zo ma la rezènte apena
la me cafetierina e po dòp sena
la fo ‘n tre tòch, la mète a sgusulà.

Par che la piànze e dal sò cantunsì
bötàda iselà de göst e spès
la ghe nà al mal e la me àrda sbiès
con chèl négher, ridicol capilì.

A pensaga dre be, so ‘n po catìa:
tratala isé! En castìgh ne la cuzìna
la crèt de valì niènt ma la sa mia

che prim de töt el rèst ogne matina
quand amó ‘ndormènsa dèrve el dé
apena desedàda pènse a lé.


La macchinetta del caffè
Soprappensiero, quando la tengo in mano / non la lavo ma la risciacquo solamente / la mia piccola caffettiera e dopo cena / la faccio in tre pezzi e la metto a sgocciolare. // Sembra che pianga e dal suo cantuccio / gettata in malo modo, spesso e volentieri, / se ne risente e mi guarda storto / con quel suo nero, ridicolo cappellino. // Pensandoci, sono un poco cattiva, / a trattarla così. In castigo in cucina / crede di non valere nulla, ma non sa // che per prima cosa ogni mattina / quando ancora addormentata apro il giorno / a lei vola il mio pensiero.



  • Pubblicata a pagina 39 su "Gira - Girasùl" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2009


  • 15 - 2 - 2005 – 1° premio al 2° concorso di poesia dialettale “SS.Faustino e Giovita” Brescia - bandito dalla Fondazione Civiltà Bresciana