El sgam


Mai doprt, zald, de la me nna
- ads ns fa p en lar compgn -
mza spana de pis, le sfranzitne,
co le s cifre en bras a fje e fir
i fi cntcc co la p gran pasinsa
el pont bzta fat col puntarl
e orl’a giorno, gigliuccio e curduns.

Ricam fiurcc en chle longhe sere
d’envren, al poch ciar de na lcrna.
Ria dal scr el profl de na gnarla:
cc encantcc e le manine strache
a ricam dei sgn nel tambrl.
Sgn e fir bianch, ensma al bianch p bianch
per en dum che l’ de ‘n ps past.

Smorst nel scr tte le uss de alra
se smorsar la me e chle de ads.
L, bl de l del bl, l’ sensa us
e per chl che l ‘l restar ch.
Che fi farl nel tmp sto sgam?
en m a chi? chi? chi el che nel vardl
se dizar
L S
chi sarl?

L’asciugamano
Mai usato, giallino, appartenuto alla mia nonna – oggi nessuno farebbe pi un lavoro simile – mezza spanna di pizzo, le lunghe frange – iniziali del nome in braccio a foglie e fiori – i fili contati con gran pazienza – il punto asola fatto col punteruolo – e orlo a giorno, gigliuccio e cordoncino. // Ricami fioriti in quelle lunghe sere – d’inverno, al fioco alone di una lucerna. – Arriva da lontano il profilo di una giovinetta: – occhi incantati e le manine stanche – che ricamano dei sogni dentro un tamburello. – Sogni e fiori bianchi, sopra un bianco ancor pi bianco – per un domani da tempo gi trascorso. // Si sono spente per sempre le voci di allora – si spegner anche la mia e quelle di adesso. – Lui, bellissimo, senza voce – ed per questo che vivr. – Che accadr nel futuro a questo asciugamano? – A chi apparterr? chi? chi nel guardarlo – si porr la domanda: L S chi sar?


L S
= Laura Stancari (1896-1972) la mia nonna materna

  • Pubblicata a pagina 19 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 13 - 3- 2003 - Segnalazione IV Premio di poesia “La Leonessa – Citt di Brescia” sezione poesia dialettale bresciana,pubblicata poi sull’antologia del premio