Le saatine

A co del lèt sö de ‘n tapé postàde
sensa pon-pon, maciàde, mulisìne
a basa us parla en per de saàtine
a ‘n per de söbre scüre scalcagnàde:

“Bröte e vèce però som amó ché
lamentèt mia che podarés ‘na pès
j-è men grév i dulùr spartìcc a mès
portóm pasiènsa e sercóm de vulìs bé.

Godómel chèsto noster sta vizì
sta mia fasàt el co prima del temp
bruntùla pö! Se g’ha de éser contèncc
che stom al cald en chèsto cantunsì.”


Le ciabattine
Ai piedi del letto, appoggiate su di un tappeto - senza pon-pon, macchiate, sciupate - a bassa voce parlano un paio di pianelle - ad un paio di ciabatte scure scalcagnate. - “Brutte e vecchie però siamo ancora qui - non lamentarti, potrebbe andare peggio - sono meno pesanti i dolori divisi a metà - portiamo pazienza e cerchiamo di volerci bene. - Godiamo questo nostro essere vicini - non preoccuparti prima del tempo - non brontolare più! Cerchiamo d’essere contenti - che stiamo al caldo in questo cantuccio.”



  • Pubblicata a pagina 105 su "El süpilì rós" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 1999


  • 22 - 10 - 99 - Segnalazione al 4° Concorso “Giacomo Floriani” bandito dal Comune di Riva del Garda (aperto a tutti i poeti delle regioni del nord Italia) con le poesie: AL ME PAES SÈRTE OLTE - LE SAÀTINE - QUINDÈS AGN