La toaja a fir cels'cc
 


La vrde b, smarda, e me v de pens
che ads l’ prpe ra de sbatla vi

mendda, en ti de sbis, el fil tirt
e p zo ‘n fnd en tch de oradl desft,

mce ustinde e me trna ‘n ment
chicherne de caf, agn pascc e temp

el bu udr del pa, s chsti fiuril
nedi e fste e compleanni de pt

baticr, problemi, pensr e ‘n quach bicr
per smors ‘l fch apna ambit del dispiazr.

Se caps che l’ tant fis tt el temp past
ap dal tnd co l’oradl de or sbect.

So frsta a me compgn la me toja slsa
ghe f le care ‘n del tirga vi ‘na brsa.

La tovaglia a fiori azzurri
La osservo bene, sbiadita la tovaglia e perplessa io, e sto pensando – che arrivata l’ora di gettarla - rattoppata, un taglio a sghimbescio, il filo tirato - un pezzo d’orlo scucito - macchie ostinate e mi ricordo - tazzine di caff, anni trascorsi e tempo - il buon odore del pane, su questi fiorellini - natali e feste e compleanni di bambini - batticuori, problemi, pensieri e qualche bicchiere - per spegnere il fuoco che iniziava a farsi per i dispiaceri. - Si comprende come sono passati velocemente gli anni - anche dal piatto orlato d’oro e sbeccato. - Sono invecchiata anch’io come la mia tovaglia logora - l’accarezzo nel togliere una briciola di pane.



  • Pubblicata a pagina 15 su "El spil rs" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 1999