El vcc lcht

El vcc lcht, al frt, de nt, al scr
ligt s le ass mrse de ‘n restl
el g’ha de tindga a l’ortezl.
L’ sul sulnt, ms rot, rzen ma dr.

Ve ‘n sa en rmur ngher po ‘l spars
scundt trams el calm e ‘l mrt.
Frem s ‘l cadens el vcc lcht
el sdcia entren sensa mai muis.

Po ‘l spta re matina per ciap
la cara de na m piena de cai
e n’ciada d’amur che sre i mai.

Tas po la nt e la sta le a vard:
per cunsul en sospr de sentinla
dal ciel fin ch ve zo a tocl na stla.


Il vecchio lucchetto
Il vecchio lucchetto, al freddo, nel buio della notte – incatenato alle assi marce di un cancello – deve far la guardia all’orticello. – solo e abbandonato – mezzo rotto, arrugginito ma tenace. // Si avvicina un rumore nero poi sparisce – nascondendosi fra il ciliegio e il muretto. – Vigile sul catenaccio il vecchio lucchetto - immobile controlla tutt’intorno. // Poi aspetta giunga il mattino per ricevere – la carezza di una mano incallita – e un’occhiata d’amore che lenisca ogni male. // Tace anche la notte e sorpresa guarda: - per consolare un sospiro di sentinella – dal cielo fin qui, a toccarlo viene una stella.



  • Pubblicata a pagina 71 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 16 - 12- 2000 - 1 premio – sezione A alla carriera – al concorso di poesia bandito dal comune di Carpenedolo con la poesia EL VCC LCHT.