El tap

L’ de ‘n ps
che srche de tra ‘nsma
tcc chi fii scundcc
che bta am del cr
per vardi, toci, cap
de ‘nd i v e ‘nd i vl n.

E serche de ‘ngrop
el fil dizimbr con chl gajard,
tgne de cnt ap chl stras
che de sps
el me sbrsia tra le m
per n de per s cnt.

E i zonte e i msie tra de lur
sensa vard i culr.
A forsa de lig, entres, engrop
gh’ vignt fra en bl tap
che doprar
per smulsin i pass a chi me l be.

Il tappeto
Da molto tempo / cerco di raccogliere fra loro / tutti quei fili nascosti / che ancora germogliano dal cuore / per guardarli, toccarli, capire / da dove provengono e dove vogliono andare. // E cerco di stringere / il filo sottile con quello robusto, / utilizzo / anche quello logoro che spesso / scivola fra le mani / e scappa via. // Li unisco, mescolandoli, / senza badare ai colori. / Continuando a legare, intrecciare, annodare / ho realizzato un bel tappeto / che user / per addolcire i passi ai miei cari.


  • Pubblicata a pagina 31 su "Gira - Girasl" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2009


  • 8 - 12 - 2004 - 1 premio al 13 concorso di Poesia dialettale indetto dal Comune di Carpenedolo – Sezione A alla carriera, con la poesia EL TAP.