La pocia

Me pis che le gran poce en s l’asfalt
ciar, lster, vernizt, tirt a nf,
che spcia tt chl gris che gh’ quan pif
e fa ridul en bas el ciel p alt

a quaci zo i tacgn e a fa tt lis.
L’asfalt, col ciel che s’ ‘ncolt ensima,
l’ a curis fis-fis po quan smarina
co l’engrops del scr en ms ai griss.

St’aria la mt ads en so mia che
sensa culur me snte gris po me,
me ve ja de mum, de libert

mes-cim al ciel, me piazars vul.
Ma s l’asfalt la pocia me rit dre:
vi vul ma me cate miss i pe.

La pozzanghera
Mi piacciono quelle gran pozzanghere sull’asfalto / chiaro, lucido, verniciato, rimesso a nuovo / che specchiano tutto il grigio che appare quando piove / e fanno rotolare in basso il cielo pi alto // a coprire le toppe e tutto diventa liscio. / L’asfalto, col cielo incollato sopra / speciale anche quando pioviggina / e s’annoda lo scuro al perlaceo grigiore. // Quest’aria mette addosso un certo non so che / senza colore anch’io mi sento grigio, / mi viene voglia di muovermi, voglia di libert / mescolarmi al cielo, mi piacerebbe volare. / Ma la pozzanghera mi deride: / vorrei volare ma mi trovo coi piedi inzuppati.


  • Pubblicata a pagina 65 su "Gira - Girasl" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2009


  • 26 - 6 - 2004 - 1 premio alla 4a edizione del concorso nazionale nella sezione poesia in dialetto bandito dal Comune di Vigonza per la sezione Poesia Dialettale con la poesia LA POCIA. Pubblicata nel volume “Cordilegio” che raccoglie tutte le poesie e i racconti premiati in questo concorso – Venilia Editrice