Al me pas srte olte


Al me pas, srte lte per fas bela
la nt strida la fa par de nint
la cipa tcc i s vistcc d’arznt
la fa bgda ‘n de la gran mastla

del lach. Tra chele onde la reznta
scmpoi de velt, ma sensa ul
se destca de la stfa i brilant
che sbarbla ‘n de l’aqua trasparnta.

L ‘n fond a gla, se bna le stilne
contra l'oradl de la sola, al scr
sterls en fila lstre colanne.

Dr a la cza, zo al prt o le viz
slnghe le ma ‘n de l’aqua e so sicr
che a le stle ghe f gatigul.


Al mio paese, alcune volte...
Al mio paese, alcune volte per farsi bella - la notte magica fa finta di nulla - prende tutti i suoi vestiti d’argento - fa il bucato nella grande tinozza // del lago. Tra quelle onde risciacqua - scampoli di velluto, ma senza volerlo - si staccano dalla stoffa dei brillantini - che sfarfallano nell’acqua trasparente. // Laggi galleggiando, si raccolgono le stelline - contro il bordo di questa tinozza, al buio - brillano in fila, lucide collanine. // Dietro alla chiesa, gi al porto (di Rivoltella) o nei pressi del porto - allungo le mani nell’acqua e sono sicuro - di fare solletico alle stelle.



  • Pubblicata a pagina 95 su "El spil rs" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 1999


  • 22 - 10 - 99 - Segnalazione al 4 Concorso “Giacomo Floriani” bandito dal Comune di Riva del Garda (aperto a tutti i poeti delle regioni del nord Italia) con le poesie: AL ME PAES SRTE OLTE - LE SATINE - QUINDS AGN