Cica umbre


Cica umbre a ‘n s che drve co’ la mnt
si mr de ‘n sit che l’ lunt e dernt
sgn de quder strimcc, sensa conf
i me fisa co’ la pra de spar.

Figre sensa us che rs parl
le sa mia che nel cr ghe j-ho a la m
al scr, co’ j-cc sercc le vde b
da chi sa ‘n de quan che le trna ch.

De fa dopr parole che ocr mia
l’ compgn de lons na cans che ria
ap a mia sint chel che la dis

sbit de che se trta se caps.
Nel tmp che tt entrbia, pasa e va
gh’ srte umbre che mai le sparir.


Bussano ombre
Bussano ombre ad un uscio che apro con la mente – su muri di un luogo vicino e lontano – i segni lasciati dai quadri, sgomenti, senza confini, - mi fissano col terrore di svanire. // Presenze senza voce vorrebbero comunicare – non sanno che son gi racchiuse in cuore – al buio, con gli occhi chiusi le riconosco distintamente – quando ritornano a me da chiss dove. // superfluo utilizzare parole non necessarie – come quando arriva da lontano l’eco di una canzone – anche a non afferrare quello che dice – subito, si riconosce. // Nel tempo che tutto appanna, passa e va – ci son ombre che non svaniranno mai.



  • Pubblicata a pagina 21 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 6 - 8- 2000 - 2 premio ASAR (Assoc. Archeologica della riviera del Garda) al concorso di poesia in dialetto gardesano indetto della Comunit del Garda. Premiazione avvenuta a Polpenazze.