D de merct


D de merct. I psa, i rza,
i pcia e i va dr a la s via.
Vo po m
entorcida da uss che no se snt
da znt che no se vt
da face che dis gnnt
e psa en banda sensa las sgn.

Camine
e me strapghe dr tt el me mnt
co i m pensr che val.
Me s e st en del ms del tt.
Ap la znt che pasa la se crt
e spart ogn en del s
el me sts pensr.

Se val poch, se val tant?
Forse, se val prpe en bl nint
se pase a m
sensa las sgn.


Giorno di mercato
Giorno di mercato. Passano, incalzano, - spingono e vanno per i fatti loro. - Vado anch’io - avvolta da voci che non sento - da gente che non vedo - da visi insignificanti - che mi passano accanto senza lasciare alcun segno. // Cammino - e porto con me tutto il mio mondo - con i miei pensieri che valgono. - Io sono e sto al centro di tutto. - Anche la gente che passa lo crede - e ognuno di loro condivide - il mio stesso pensiero. // Si vale poco, si vale tanto? - Forse, non si vale proprio nulla - se anch’io passo - senza lasciare segno.



  • Pubblicata a pagina 47 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 19 - 12 - 2002 - 1 premio al VIII concorso di Poesia dialettale del Pensionato “Fausta Piccinelli Pedrazzani” Brescia.