El cocl

A olte quan vo a lt e ‘n pde p
per mia scult gnnt me se fo s
a gamisl e reste ferma l
is, fra del mond, turne a l’endr.

Po se so ferma e par fermt el temp
sbrsia en de ‘n cocl rotont la mnt
vt, lonch, che se fa s sensa na fi
smper de p ‘l se strns a no ul.

Sghite a gir, sensa ri ‘n ms
dnter en gs de mr me me ads.
Nel scr no gh’ gna en ciar e depertt

g’ho mal. So sensa fi, strims el vt.
La mnt tcc i mr la pasa e me
per salvm pnse fis a chi me l be.

Il guscio vuoto di una chiocciolina
(Quando si presi in una spirale di disperazione solo l’amore e l’affetto di chi ti vuol bene pu salvarti).
Alcune volte quando vado a letto e non ne posso pi / per non sentire nulla mi raggomitolo / e resto immobile / cos, fuori dal mondo, quasi non fossi ancora nata. // Anche se sto ferma e sembra fermo il tempo / la mente scivola in un guscio tondo / vuoto, lungo, a spirale senza fine / che si avvita sempre pi. // Persisto nel vortice senza raggiungere il centro / dentro quel guscio fatto di mura, mi perdo. / Nelle tenebre non c’ luce e ovunque // ho male. Sono senza fiato, sgomenta il vuoto. / La mente attraversa tutte le pareti e, / per salvarmi, penso a chi mi vuol bene.

  • Pubblicata a pagina 17 su "Gira - Girasl" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2009


  • 10 - 4 - 2005 - 1 Premio al XXX concorso di Poesia dialettale “Francesco De lemene” Montanaso Lombardo (Lodi) aperto ai dialetti lombardi e della Svizzera Italiana