El giandul


Nuis l’ chsto d, frst, lis e vt
de fra gh’ tt gris, me scapa l’c
postt al mr, dedr de ‘n taul,
che me varda gh’ ‘l scr de ‘n giandul

de angria. E vde chel bel ros,
la fta granda, el sul, el sar dols!
E brao ‘l me giandul! End set stat
scundt a spet ‘n d desfrtnt?

Nel catl s ghe parle: ‘l set che ads
fis fis a sbatt vi m me rincrs?
Che fom? Te sconde ch - no se sa mai -

nel scatul ms vt dei solfani,
te doprar dum per empis
l’envren dei d griss col fch d’ist.

Il semino
Noioso questo giorno, sciupato, liso e vuoto / fuori tutto grigio, scorgo all’improvviso / appoggiato al muro, dietro un tavolino, / che mi guarda c’ uno scuro nocciolino // d’anguria. E vedo quel bel rosso, / la grande fetta, il sole, il buon sapore! / E bravo il mio semino! Dov’eri / nascosto ad aspettare questo giorno sfortunato? // Nel raccoglierlo parlo con lui: lo sai che ora / mi dispiace molto gettarti via? / Che facciamo? Ti nasconder qui – non si sa mai - // nella scatoletta mezzo vuota dei fiammiferi, / ti user per accendere domani / l’inverno dei giorni grigi col fuoco dell’estate.


  • Pubblicata a pagina 41 su "Gira - Girasl" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2009


  • 9 - 4 - 2006 - Segnalazione al XXXI concorso di Poesia dialettale “Francesco De lemene” Montanaso Lombardo (Lodi) aperto ai dialetti lombardi e della Svizzera Italiana