El suspr


So gna me el perch
m’ scapt nel vardt
chel sospr is lonch.

“El so che a serct
te ghe set, te ghe se
smper stat, de per de
smper chl, en pontl.
Ma a vidt is gris
g’ho capit
che ‘l tmp el va ists
po a uls be.
Sarl stat chel sospr
l’encurzm ‘pena ads
che fae sponda s t
ma l’ t, che da ‘n ps,
te te postet a me?

Cosa g’ho ?
Gnnt de gnnt.
L’ che pif. Sar ‘l tmp.


Il sospiro
Non so il perch – mi sfuggito nel guardarti – quel lungo sospiro. // Lo so che a cercarti – ci sei, ci sei – sempre stato, giorno dopo giorno – un appoggio sempre solido. – Ma a vederti cos grigio – ho capito – che il tempo trascorre anche – a volersi bene. – Sar stato quel sospiro – l’accorgermi solo adesso – che io mi appoggiavo a te – ma sei tu, che da molto tempo, ti appoggi a me? // Che cos’ho? – Nulla di null. – che piove. Sar il tempo.


  • Pubblicata a pagina 65 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 10 - 5 - 2003 - Premio “Angelo Albrici” alla 13a edizione del premio biennale di poesia Broletto – Citt di Brescia “Giovanni Scaramella”