El tmp


Serte lte, con de ‘n lar de nint
compar dnter de ‘n spc
el mosts fress del tmp.

“Frmet en bris – ghe dize –
varda che st’an me fila
la g’ha i stss agn de me
l’an che me sie spuzda.
E ads, me g’ho
chi che ghia me mama
e le, l’ rida a l’et
de la me nna alra…
Cos’l sto ‘nd de cursa?
Perch cret is? ”

Ma l l’ za scapt
sensa sta le a sintm.
El tmp el g’ha mia tmp
de ferms a rispundm.


Il tempo
Alcune volte, con un niente - compare dentro uno specchio – la faccia frettolosa del tempo. // “Fermati un poco – gli dico – guarda che quest’anno mia figlia – ha gli stessi miei anni – l’anno che mi ero sposata. – E ora io ho - quelli che aveva la mia mamma – e lei, arrivata all’et – della mia nonna allora…- Cos’ questo andare di corsa? – Perch corri cos?” // Ma lui gi scappato – senza star l a sentirmi. – Il tempo non ha tempo – di fermarsi a rispondermi.


  • Pubblicata a pagina 16 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 31 - 5 - 2002 - 1 premio – sezione vernacolo – al 30 concorso di poesia del C.O.Paganini di Rovereto, con la poesia EL TMP. – Pubblicata: maggio 2002 nel volumetto “Al circolo e nel giugno 2002 sul n 64 “Ciacere en trenn” rivista trimestrale di cultura dialettale e del folclore trentino.