Granl de sabia


Se ‘l me pas l’ ‘l me pas
l’ ap per mert me:
l ‘l viv che me sto ch.

E l’ am ‘l me pas se me ‘nd va
ma l: maraa! No cambia prpe gnnt
el viv b ap se ghe so mia.

Tancc grani ocr per fa la sbia,
ap se ‘n manca la rsta smper sbia
ma l’ sbia perch gh’ tancc grani.

A p ghe v ‘n del cr al me pas.
Sintt en pisa s ‘n scal
salde tcc e parle e ride

e me se slarga el cr
e s prpe contnt
de ser en granl de chsta znt.


Granello di sabbia
Se il mio paese il mio paese – anche merito mio – lui vive perch io abito qui. // Ed ancora il mio paese quando vado via – ma lui: ed sorprendente! Non cambia proprio nulla – vive bene anche se non ci sono. // Tanti granelli occorrono per fare la sabbia, –anche se ne manca qualcuno resta sempre sabbia – ma sabbia perch ci sono tanti granelli. // A piedi vado nel cuore al mio paese. – Seduto su di uno scalino in piazza – saluto tutti e parlo e rido // e mi si allarga il cuore – e sono proprio contento – di essere un granello di questa gente.


  • Pubblicata a pagina 49 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 27 - 10 - 2002 - Nei 3 finalisti (il 2 e il 3 premio erano a pari merito) al 20 concorso di poesia Citt di Legnano “G. Tirinnanzi” - sezione dialetto