Ist dopomesd


Ist, dopomesd. Calr,
ante serde, al scr
se sfesra el ciar contra ‘l soft
e ra dei cich de chi sa ‘n doe
mesicc a uss
che par rami schinccc
con dei ricam brocc
s chl che forse j- parole.

Entant, gh’ ‘n sfrigol
de tra che rusts al sul
o le sigle?
N’ho ciapt gina ger matina
o forse no, l’ stat agn fa
quan che ptina
sota le ante rampega la gna
e gh’ra ap ‘l celst del verderm.

Co’ j-cc sercc
parte a cal del tmp. Vo
e cate de le ist
spacde a tte le altre ist
… me par de ul…
dindule apna
s ‘n caal de lgn
che va al galp, ma fermo sta.


Pomeriggio d’estate
Estate, primo pomeriggio. Afa, - ante chiuse, al buio - fessure di luce si riflettono sul soffitto - e da chiss dove arrivan fin qui dei rumori - mescolati a voci - che paiono rami che si spezzano - con dei ricami bollenti - su quelle che forse sono parole. // Nel frattempo, c’ lo sfrigolio – della terra che arrostisce sotto il sole – o sono cicale? – Ne ho catturata una ieri mattina – o forse no, stato anni fa – quando bambina – sotto le ante si arrampicava una vite – e c’era anche l’azzurro del verderame. // Al buio, ad occhi chiusi – parto a cavallo del tempo. Vado – e rivedo stagioni estive – identiche fra loro. - … mi sembra di volare… - invece mi ritrovo – su di un cavallo a dondolo – che galoppa pur restando fermo.


  • Pubblicata a pagina 11 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 15 - 9 - 2001 - 1 premio - in rappresentanza della regione Lombardia alla XIV edizione del premio biennale nazionale di poesia dialettale “Guido Modena” – San Felice sul Panaro.