La strada de la mènt

Töcc i dé se möf pólver sö la strada
traficada de la mènt. E ria sèmper
e sèmper a sègn, pensér d’ogne sort
che pasa come schège rumurùze
de ‘n ròs de muturì che cor luntà,
no i lasa sègn, i pasa i pasa e i va.

Gna se scaìna ‘n carèt föra del temp
a töt chèsto via-vai ghe bade mia
tire drit apó me per la me via.

Ma èco che me ferme e töt se ferma
quan che se fa cristàl en tòch de véder.
Serada en de na bòcia co la nef
fiòca lezér e töt se fa pö dols
e me so dènter lé, na statuina
en de na cartulina de Nedal.

Striamènt striàt, el so mia el perchè
ma l’è sèmper isé se, per la via,
pasa ‘l sentimènt de na poesia.

La strada della mente
Polvere si solleva ogni giorno sulla strada / trafficata della mente. E arrivano sempre / e sempre pronti, pensieri di ogni tipo / che passano come schegge rumorose / di un gruppo di motorini che corrono lontano, / non lasciano alcun segno, passano e vanno. // Nemmeno se cigola un vecchio carretto / non bado a questo via-vai / proseguo dritto per la mia via. // Ma ecco che mi fermo e tutto si ferma / quando diventa cristallo un pezzo di vetro. / Rinchiusa in una boccia con la neve / fiocca leggero e tutto si fa più dolce / e io mi trovo all’interno, come una statuina / in una cartolina di Natale. // Magico incanto, non so il perché / sempre è così se, per la via, / passa il sentimento di una poesia.

  • Pubblicata a pagina 11 su "Gira - Girasùl" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2009


  • 8 - 5 - 2005 - Premio “Fondazione ASM” alla XIII edizione del premio Broletto Città di Brescia – intitolato a Giovanni Scaramella.