Le Úgne

Na quach f˛ja
zÓlda e ‘ncartociÓda
zam˛ la dind¨la
en del fred strimýt
e ghe n’Ŕ tante
rampognÓde ‘n tŔra.

La¨r bagnÓcc, stricÓcc,
storzegnÓcc da na laandÚra
entersÓda e gajÓrda
le par le piante
de Úgna crocefýse
en dei filÓr.

Che se p÷l fa quan che i dicc
j-Ŕ ligÓcc col fil de fŔr?
Le Úgne, co’ i ram en crus,
le Órda el ciel, le prega.


Il vigneto
Qualche foglia - gialla e accartocciata - ancora dondola - nel freddo spaventato - e ce ne sono tante - raggrinzite in terra. - Panni bagnati, strizzati - torti da una lavandaia - molto robusta - sembrano le piante - di vite crocifisse - nei filari. - Che si pu˛ fare quando le dita - sono legate col fil di ferro? - Le viti, con i rami in croce - guardano il cielo, pregano.


  • Pubblicata a pagina 81 su "El sŘpilý rˇs" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 1999


  • 15- 2 - 2008 - 1░ premio ex-aequo al 5░ concorso di poesia dialettale “SS.Faustino e Giovita” Brescia - bandito dalla Fondazione CiviltÓ Bresciana (tema del concorso: la fede in dialetto)