Sam che sama
 

A olte se fa vespe e a olte lzar
come ger, ap enc, en del me co
e nuiuze le sghita a gir
fin a fas en sam che rs sam.

Sto sam strimt el sbia, el rgna
el serca strach en sit end posts.
So prope mia che sancc tra ensma
sto scampul sfast de ngol scr.

De per s cnt, de gst, smper is
se fa sto gamesl de las sta,
el spons fes, dispits, a sinsigl.

Spere che el se pesghe, sto sam
nuis a n e al s pst stralze
el ciar lezr dei lzar dum.

Sciame
A volte sono vespe e a volte lucciole / ma, come ieri, anche oggi, nella mia testa / brusio d’api noiose persiste a frullare / fino a dare origine ad uno sciame che ronza. // Questo sciame impaurito strepita e rumoreggia, / spossato, cerca un luogo ove appoggiarsi. / Non so dire come si formata / quest’insolente nuvoletta nera. // Da solo, zelante, sempre nello stesso modo / un gomitolo da non toccare, / dispettoso, punge a stuzzicarlo. / Spero che questo sciame molesto / s’affretti ad andarsene e nella mia testa, domani, / si accendano lucciole.

  • Pubblicata a pagina 15 su "Gira - Girasl" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2009


  • 15 - 4- 2005 - 1 premio al IX concorso deditaco a “Renzo Bresciani” e bandito dall’AUSER e dal Circolo culturale pensionati, con la poesia SAM CHE SAMA