San Mart


Fint. Ads
ghe manca apna el gat.
Tt vt. E me
p vda de la stansa
cte s l’ltema carta
e po a la f
gire la cif.

Ma ne l’oltm per n
me compars de dr
tt chl che lse ch.
End, per mia scult
chl sbarbel sitl
de umbre serde s
de l de l’s.

End. Sensa p fermam.
Po snte ergt
gojm la m:
l’ ‘l masul de cif
che l d la s,
ma, po l, compagn de me
el ria mia a parl.

Trasloco - 19-10-2000
Finito. Ora - resta solo il gatto. - Tutto vuoto. Ed io - pi vuota della stanza - raccolgo l’ultima carta - e infine - chiudo a chiave. // Nel girarmi per andare via - mi appare dietro le spalle - tutto quello che abbandono. - Vado. Per non ascoltare - quel lieve sfarfallio - di ombre imprigionate - di l dalla porta. // Vado. Senza pi fermarmi. - Poi sento qualcosa - pungere la mano: - il mazzolino delle chiavi - vorrebbe poter dire la sua, - ma, come me - non riesce pi a parlare.




  • Pubblicata a pagina 69 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 15 - 12 - 2001 - 2 premio sezione A alla carriera – al concorso di poesia bandito dal comune di Carpenedolo con le poesie LA FINESTRA – SAN MART – EL SPC DEL TMP