Schge de temp


La znt che g’ho ‘ncruzt s la me strada
per mia desmentegm l’ho ‘mprisunda
en de na gran specra e ‘l s rifls
el me fa ciar al cr smper p sps.

Ma le rde del tmp che scana e va
en sas nel me bl spc le fa salt.
Se frantma la vita e sul pensi
gh’ cc che se desda en dei riti.

De tt ghe rsta brse. Pasa i d.
El sars bl sa che forse a m,
schgia de ‘n spc, so portda a spas

dnt de ‘n cr de verg desmentegt
cunust che per le ‘ndr e al d de ‘nc
endo che l’ fint se 'l sa gna p.


Schegge di tempo
La gente che ho incrociato sulla mia strada – per non dimenticarla l’ho imprigionata – in un grande specchio e il suo riflesso – mi rischiara il cuor sempre pi spesso. // Ma le ruote del tempo che accelerando va – un sasso nel mio specchio fan saltare.– Si frantuma la vita e solo col pensiero – ci sono occhi che si svegliano nei ritagli. // Di tutto restan solo le briciole. Passano i giorni. – Sarebbe bello sapere che forse anch’io – scheggia di specchio, son portata a spasso // dentro un cuore di qualcuno dimenticato – conosciuto tempo addietro e al giorno d’oggi – non si sa ben che fine ha fatto.

  • Pubblicata a pagina 29 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 18 - 3- 2000 - Targa delle Regioni al 22 concorso nazionale di poesia dialettale “Valente Faustini” Piacenza con la poesia SCHGE DE TMP (concorso aperto a tutti i dialetti italiani).