La finestra


da la strada. ‘Na ghba lezra
la ‘nturciula de frt i me pnser.
Am sar ‘l dum precs a ger
nar encontra a la nt po chsta sera.

Nel ciar de ‘na finestra s al prim pi
se snt cioc dei picc, uss de pt.
Sima chel vuls be fra del ni
chl be is sfast l’ amr goj.

Znt che se mf e tira le tindine,
smorst chel scampul de sul nel ngher
fins de ridul rmr algher.

Con de ‘n stric de per me cnt camine
po pnse: so mia sula e de per me,
en banda g’ho l’umbria che me ve dre.


La finestra
Deserta la strada. Una nebbia leggera - riveste di freddo i miei pensieri. - Sar ancora il domani come ieri, - andr incontro alla notte anche stasera. // Da una finestra illuminata al primo piano - arrivano voci di bimbi, acciottolo di piatti. - Trabocca l’amore da quel nido - sentimento sfacciato che ferisce amaramente. // Qualcuno si muove e accosta le tende, - si spegne quello scampolo di sole - non rotolano pi rumori allegri. // Malinconica riprendo il cammino - poi penso: anch’io non sono sola - ho accanto la mia ombra.



  • Pubblicata a pagina 83 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003


  • 15 - 12 - 2001 - 2 premio sezione A alla carriera – al concorso di poesia bandito dal comune di Carpenedolo con le poesie LA FINESTRA – SAN MART – EL SPC DEL TMP