Recich de fera


Ensurds en gran vt sberlangt.
Sta j-cc esterefcc dei lampi
ridla zo
dal campanl la mezant.

Encastrt ne la gronda ‘n recich
de ritornl de banda el se mla
el sbrssia
el desmsia
gerani emps che pindla,
ads a temp i dindla.

Desgnalt, en scap
con de ‘n gi balar
en refl de vent, a s mt,
el cunsla biglicc sfrtncc

en srcoi dr ai mr
i prla lad,
i se mf
spalpogncc, slanguidcc,
bincc a fje strinde,
plver d’arznt e carte dorde.

Ra en fi de giornl
el cor ma l’ tarde
sl mosts de la piasa se sfnta
l’ltim frinch ustint de la festa.

Resta la lna a ber ne la fontana
el frsch sar de sagra paesana.


Rimasugli di festa
Assorda un gran vuoto smisurato. - Sotto gli occhi esterrefatti dei lampioni - rotola - dal campanile la mezzanotte. // Incastrato sotto la gronda un avanzo - di ritornello di banda si lascia cadere - scivola - va a svegliare - gerani rosso fuoco che ciondolano, - adesso dondolano a tempo. // Approfittando dell’occasione, senza scarpe per non far rumore - in un lieve vortice ballerino - una folata di vento, a suo modo, - consola i biglietti sfortunati // in tondo lungo i muri - volteggiano lievi - si muovono - gualciti, languidi - mescolati a foglie secche - polvere d’argento e carte dorate. // Arriva un foglio di giornale - corre, ma tardi - sulla faccia della piazza si scioglie - l’ultimo capriccio ostinato della festa. // Resta la luna a bere nella fontana - il fresco sapore di sagra paesana.



  • Pubblicata a pagina 75 su "El spil rs" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 1999


  • 8 - 5 - 99 - 1 premio assoluto alla decima edizione del “Premio Broletto Citt di Brescia” intitolato a Giovanni Scaramella con la poesia RECICH DE FRA e EL P