Fica


Na falia, d falie
po ambia a fioc smper p empertt.
Sta mia ciocm ai vdre nef balsa
sta mia ciamm,
la t alegria le me fa mal.

Na olta l’era bel
ads g’ho p l’et
per vgner a pest el t bianch mantl,
per n zo en strada a bal co le falie
per rder con de te del fret del mond.

De alura
basta sciarpe rose
e gna berte per quarci le rice,
de alura el frt l’ frt
la nef l’ nef.

Ads
fioccc come falie tcc i me d
s la strada del tmp
so l, compagn de te,
a sbarbel per nint.

Nevica
Un fiocco, due fiocchi / poi ovunque nevica sempre pi. / Non bussarmi ai vetri neve birichina / non chiamarmi, / la tua allegria mi fa male. // Una volta era bello / ora non ho pi l’et / per andare a calpestare il bianco tuo mantello / per scendere in strada e danzare con i tuoi fiocchi / per ridere con te del freddo del mondo. // Da allora / basta sciarpe rosse / e berrette per coprire le orecchie, / da allora il freddo freddo / la neve neve. // Ora / caduti come neve i giorni miei / sulla strada del tempo / son come te / un fiocco che volteggia nel nulla.



  • Pubblicata a pagina 73 su "Gira - Girasl" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2009