Salds sensa parl

De fra se sparnga le fale
snsa cich el cil el par s-ciopt .
Notr nturn, ma t t st da sl
l’ amar del silnsio el brt sar.

Volars sladin st gran segi
i t cc i me vrda snsa dim
j prda i dcc che me strns la m
chi dei du vl l’atr aid?

E da ‘nde e perch, ma l l’ ignda
en grn plch, en scap, sensa rumr,
me l sintida,
en sgrzol, en fit frt en sl cup,
scra mbra con tcc i lm empss.

Vt, let, el tmp abelse ‘l s’ fermt!
De fra el cil che se sfarna
enorbs la sedasda, en binch de fl,
fale ‘ndafarde z le v
snsa rquie, snsa f, snsa de t.



Salutarsi senza parlare
Fuori si sparpagliano i fiocchi di neve - senza rumore il cielo pare scoppiato. - Noi tutti intorno, ma tu sei solo - amaro il sapore di questo silenzio. Vorrei rendere scorrevole quel respiro roco - i tuoi occhi mi guardano senza vedermi - sono di pietra le dita che mi stringono la mano - chi fra noi due cerca di aiutare l’altro? E da dove e perch ma lei venuta - un macigno, a piedi nudi per non far rumore - io l’ho sentita - un brivido, un fiato freddo sulla nuca - ombra scura con tutte le luci accese. Vuoto, sospeso, il tempo piano piano si fermato! - Fuori il cielo che si sfarina - acceca la setacciata, un bianco amarissimo - fiocchi di neve indaffarati scendono - senza pace, senza fine, senza di te.



  • Pubblicata a pagina 107 su "ja de primara" Editrice La Rosa - Brescia 1997


  • 6 - 5 - 95 - Menzione d'onore “Premio Broletto - Citt di Brescia - Giovanni Scaramella"