La tersa


Per sim
sto ads che me stofga
drve l’s
a na tersa ensma ai cp
e slarghe ‘l cl.

Da ch
varde en de j-cc
- zo ‘n bas -
con altr cc
el picin.

Longhe
bocde d’aria
is stofghe mia.
La me tersa ensma ai cp
l’ la poesia.


La terrazza
Per oltrepassare – questo presente che mi soffoca – apro l’uscio – ad una terrazza sui tetti – e allargo il cielo. // Da qui – guardo negli occhi – gi in basso – con altri occhi – le cose farsi piccole. // Lunghe – boccate d’aria – per non soffocare. – La mia terrazza sui tetti – la poesia.



  • Pubblicata a pagina 107 su "A cal del tmp" a.c.m. Indipendentemente editore - Desenzano 2003