El prim caf


Quando en del prim ciar de prim matina

gh’ tt frmo e tt tas nel desmisis

chl ngher trotol de caf algher

el se sparnasa en gir e ‘l v a sercm.

 

Tap lch che sridula s le scale

e sciarpa che empertt la s’enturciula,

l’ en scr sar guls che se sfesra,

curiuza en dei cant e fa le care a tt,

 

chl fi sitl de fm che se vt mia

el sbrsia per pas de sota ai s

per  turn a sbadaci ne la tasina.

 

Varde el caf e l el me arda: se ulm b.

Me pis chsto momnt che dra nint

quant tcc i d, ambim en lter d.

 

 

 

 Il primo caff

Quando nel primo chiarore mattutino / tutto fermo e ancora tutto tace addormentato / quel nero trottolare allegro del caff / si sparpaglia in giro cercandomi. // Tappeto lungo che si srotola sulle scale / e sciarpa che tutto avvolge, / un sapore goloso e scuro che passa per le fessure, / va a curiosare negli angoli e accarezza ogni cosa, // quel foglio sottile di fumo invisibile / scivola per passare sotto le porte / per tornare a sbadigliare nella tazzina. // Guardo il caff e lui mi guarda: ci vogliamo bene. / Mi piace questo breve momento / quando tutti i giorni insieme, iniziamo un altro giorno.