Fir de urtiga

 dedicata a F.M.

 

Da ‘n br bl stagn de urtighe

sbza fra e par sta a gala

grate de fiuril rza slat:

buchine vrte con la linguina fra

a sggn el mnt.

De per s cnt

crsta alta, j- l al sicr

a spauns.

J- bi ma se pl mia tocai.

La s la par superbia ma l’ pora.

L’ en difinds  da tcc e tt.

 

Lezera

ria na farfala

e zo baz.

 

I fa chei fiuril, come el t fa e i t pensr

ma me sar per te chla farfala.

  

Fiori d’ortica

Da un ciuffo fitto di ortiche / sbucano e sembrano galleggiare / grappoli di fiorellini rosa. / Piccole bocche aperte con la linguetta fuori / a deridere il mondo. // Solitari / cresta alta, se ne stanno al sicuro / pavoneggiandosi. / Sono belli ma non si possono toccare. / Quel fare sembra superbia, ma paura. / un difendersi da tutto e tutti. // Leggera / arriva una farfalla / e gi baci. // Si comportano quei fiorellini, come il tuo modo di fare e i tuoi pensieri / ma io sar per te quella farfalla.