Nt

 

Sensa cias l’ riada come smper a cu

sta cisa scra. Me par de idila

vgner en sa, ferms en bris

vard, rasp e tocaci empertt

p spipiuls de gst e comods de sira

a quaci el mont co le s lnghe ale.

 

El so che tt ambia e tt fins

ma ads, sota ste ale, entorcit

da chl ngher tibiul, sert

nel me gs sicr al scr,

puz malsicr e sensa enzgn

cue sgn e sto l, frem, a sor.

  

Notte

Senza far rumore arrivata come sempre a covare / questa chioccia scura. Mi sembra di vederla / avvicinarsi, fermarsi un attimo, guardare, grattare e toccare un poco ovunque / poi spollinarsi di gusto e accomodarsi ben bene / a coprire il mondo con le sue lunghe ali. // Lo so che tutto ha un inizio e una fine / ma ora, sotto queste ali, avvolto / da quel nero tepore, chiuso / del mio guscio sicuro, allo scuro / pulcino malsicuro e senza senno / covo sogni e resto, immobile, a intiepidire.