El mradl

 

Rstech, ns g’ha de vder che ‘l pins

el mradl scrstt col ms.c en bas,

ma s la sciarpa verda ghe sbrizula

lagrime bianche, brize de calsina.

 

Am l’ l, ma vcc el srf p a nint

e is, l’ tt en scaragn de mgole

selvdeghe che g’ha de ridul

s i p, en ms a la colana de fir zalcc.

 

Per tigns s, el s’ vistt a fsta

ma l’ mia as mits en bl capl

de fje frsche ensima. El naza l’aria

 

e l’ort, che vanga p ns, l ‘l varda.

Ma el g’ha de tgner dr, mia lass n

per na lzrta l’ am casa gajrda.

 

 

Il  muretto

Burbero, nessuno deve vedere che piange / il muretto scrostato col muschio in basso, / ma sulla sciarpa verde sbriciolano / lacrime bianche, granellini di calce. // Ancora l, ma vecchio, non serve a nulla / e cos, tutto un piangere di minuscoli pezzetti / incontrollabili (selvaggi) che devono rotolare / sui piedi, in mezzo alla collana di fiori gialli. // Per non demoralizzarsi, si veste a festa / ma non basta mettersi un bel cappello / di foglie fresche. Annusa l’aria / e guarda l’orto che nessuno vanga pi. / Ma deve resistere, non lasciarsi andare / per una lucertola ancora robusta casa.