El treno

 

El vde mia, per el snte a pas.

Sota vnt, d’ist, el s rumr l’ fich,

come ‘n foulard de seda grant

btt per aria a sbrisi zo abelase

is vult.

                       Quan pif o quan fa frt

el ria come na sciarpa che se ‘ntrcia,

tt entren, per tgner el cald.

 

Ma serti d,

chl scain l’ ‘l vrs

de l’ustins de na m longa

che serca endren de ciap

- come la cua sl cancinculo -

el ml che g’ho entren al cl

e portm vi.

                              El pra tte le olte.

Gnnt de fa. El s sangit

mesit al me, el va a pirds lunt.

 

Il treno

Non lo vedo, per lo sento passare. / D’estate, sotto vento, il suo rumore fievole, / come quello di un gran foulard di seta / lanciato in aria che scivola lentamente / mentre vola. // Quando piove o fa freddo / arriva come una sciarpa che si avvolge, / tutt’attorno, per conservare il tepore. // Ma certi giorni, / quello stridere, il verso / del caparbio ostinarsi di una lunga mano  / che cerca inutilmente di afferrare / - come la coda sulla giostra che gira - / il guinzaglio che ho attorno al collo / e portarmi via. // Prova ogni volta. / Nulla da fare. Il suo singulto / mescolato col mio, si dissolve in lontananza.