La Madunina del mur

 

Luogo sacro so mia se se pl ciaml is

chl tch de stradla en ms a la campagna

end a la prim crva, s la ria, sgt el fs,

mrt el mur, sbregt i ram, sbzt la sca,

dnter gh’ na bianca Madunina.

Gh’ stat tact dei fir, zontt dei lm

e am fir, en rozare, vazit. Ai s p

en gran vas de ciclamini finti.

 

E is me, quan la va mia b, vo mia en ciesa

fo du pas e rie a chla crva s la strada.

Du pas e me ve encontra la campagna.

Du pas e varde el ciel, la tra. Du pas

ne l’aria e pnse e is en del n

d zo i pensr. Rie l, n’Ave Maria,

en sgn de crus e turne a ca.

La Madunina la me t per ma.

  

La Madonnina del gelso

Luogo sacro non so se si pu chiamare cos / quel pezzo di stradina fra i campi / dove alla prima curva, sull’argine del fosso prosciugato, / morto il gelso, rotti i rami, svuotato il tronco, / dentro vi una bianca Madonnina. / Vi sono stati appesi dei fiori, aggiunti dei lumini / e ancora fiori, un rosario, vasetti. Ai suoi piedi / un gran vaso di finti ciclamini. // E cos io, quando ho delle preoccupazioni, non vado in chiesa / faccio due passi e arrivo a quella curva sulla strada. / Due passi e mi viene incontro la campagna. / Due passi e guardo il cielo e la terra. Due passi / nell’aria e penso e cos cammiando / si attenuano i pensieri. Raggiunto il gelso, un’Ave Maria, / un segno di croce e torno a casa. / La Madonnina mi tiene per mano.