Difficoltà
 


Ti osservo
tornare bambino
- parallelo è il tuo mondo -
        e ti vedo
                   agire passivo
                                 a scandire ore discordi
                                                   pianificate
                                                  circoscritte
                                                     e spillate
                                               in quel grigio
                                            ritaglio di cielo.
Aspra la nebbia
non sempre si apre.
          Incerto procedi
                 sosti prudente
                         pallido muovi
                                con pigra cadenza
                                        in quel tunnel

                                                   sereno.

A volte
per mano prendo
               un vecchio bambino
a volte
accanto mi trovo
            un grande uomo.

 


  • 19 - 10 - 2003 - 1° premio sezione poesia italiana, categoria adulti al 24° concorso letterario (tema attinente a quello dichiarato dal Consiglio dell’Unione Europea che ha proclamato il 2003 anno europeo delle persone disabili) bandito dal Comune di Acquafredda.